loading ...
loading ...
26

IMAGO L’Immaginario di Federico Fellini

Io credo che il tipo creativo, in genere non possa avere coscienza dell’operazione di sutura che compie tra l’inconscio e il conscio. Per quanto mi riguarda, raramente mi capita di essere assistito da una sufficiente lucidità circa i meccanismi che attuano questo delicatissimo, ambiguo passaggio

Federico Fellini
Il progetto del documentario nasce da una lunga e appassionata ricerca da parte degli autori nell’immaginario di Federico Fellini: una ricerca alimentata dal costante contatto con colui che fu per quarant’anni l’amico spirituale del regista: padre Angelo Arpa, fondatore della Fondazione Interregionale Europa e Comunità Mondiale, nonché con l’amico del regista e psicoterapeuta Mario Trevi, già allievo del grande Ernst Bernhard, analista di Fellini.

Abbiamo quindi realizzato “IMAGO, l’immaginario di Federico Fellini”, partendo certamente da un amore istintivo per la cinematografia del maestro, ma quel che vuole affrontare è il tentativo di volgere lo sguardo verso l’orizzonte di quell’immaginario infinito e polimorfo di cui il regista partecipava.

Senza dubbio la soggezione nei confronti del mistero che avvolge questo mondo, ci cautela dal volerne risolvere il rapporto in una rivisitazione estetizzante o in una concettualizzazione schematica. Al contrario, lasciando spazio ad ogni ipotesi psicologica o metafisica, ci basta assistere, sia pure da lontano, alla potenza della creatività artistica di Fellini, ripercorrendone testimonianze, immagini ed emozioni. Con la fiducia di essere riusciti a comunicare l’universo felliniano, proprio attraverso quel linguaggio delle immagini di cui Fellini è stato grande poeta, profeta e cantore.

In questo senso, ci associamo pienamente alle parole di un altro grande maestro, George Simenon, quando scrive all’amico Fellini, “Lei è un poeta maledetto come Villon, Baudelaire, Van Gogh e Poe; io chiamo poeti maledetti tutti gli artisti che lavorano molto più con l’inconscio che con l’intelligenza, che a volte creano mostri, ma dei mostri universali”.

Il documentario ha richiesto una lavorazione che è durata un arco di cinque anni, dal 1998 al 2003, anno in cui si concludeva e poteva essere presentato fuori concorso al festival di Locarno, riscuotendo un grande interesse. Notevoli apprezzamenti sono stati ricevuti anche in altre sedi, in particolar modo laddove si poteva apprezzarne la complessità psicologica di costruzione, quali per esempio l’AIPA (Associazione Italiana Psicologia Analitica) e Il CIPA (Centro Italiano di Psicolagia Analitica).

Forse proprio per questa sua caratteristica molto poco televisiva, il documentario non è mai stato distribuito, né ha mai trovato ancora una sua diffusione pubblica. Resta dunque ufficialmente un’opera inedita, sebbene abbia comportato uno sforzo organizzativo ed economico non indifferente. Crediamo tuttavia alla sua validità culturale ed in quanto tale non disperiamo che un giorno tutto ciò possa essere riconosciuto.

La struttura del documentario si svolge in sei capitoli, partendo dalla scena emblematica in cui il personaggio del film mai realizzato da Fellini, Giuseppe Mastorna, entra in campo e si ferma davanti all’immagine della grande impalcatura su cui si sorregge il profilo della cattedrale di Colonia. Da qui, il documentario alterna le testimonianze personali degli intervistati alle sequenze dei film e le immagini di repertorio. Si segue uno sviluppo ragionato secondo i passi che il regista abitualmente compiva alla realizzazione di ogni sua opera:

I capitoli sono:

Imago
Film da fare
L’idea di un film
I disegni e le facce
L’inizio delle riprese
Il film concluso.

All’inizio di ogni capitolo, la scena iniziale del Mastorna subisce un’evoluzione tale da sottolineare l’essenza fantastica delle immagini felliniane, di volta in volta ricostruite nel grande Studio 5 di Cinecittà, concepito, nel nostro documentario, come il crogiolo alchemico in cui Fellini riusciva a trasformare il sogno in realtà e la realtà in sogno.

Gli intervistati sono:

Mario Trevi, psicoanalista, confidente delle sue fantasie più inconscie;
Padre Angelo Arpa, amico e consigliere fraterno per oltre quarant’anni;
Tonino Guerra, sceneggiatore, collaboratore fedeli nella realizzazione di molti film di Fellini
Rinaldo Geleng, scenografo, collaboratore nella realizzazione di molti film di Fellini;
Enzo De Castro, suo segretario fiduciario che lo ha seguito per oltre 20 anni
Norma Giacchero, sua segretaria di edizione che lo ha seguito per oltre 25 anni;
Olimpia Carlisi, attrice e amica nella vita;
Gianfranco Angelucci, scrittore e regista, collaboratore per oltre vent’anni;
Andrea Zanzotto poeta, collaboratore e compagni fraterno in alcuni film;
Luca Canali, scrittore, latinista,.collaboratori e compagno fraterno dai tempi del Satyricon.

IMAGO
L’Immaginario di Federico Fellini

di Leopoldo Antinozzi e Alessandro De Michele

Prodotto da
Leopoldo Antinozzi, Ivana Mattei, Gerald Morin

Direttore della fotografia
Vittorio Viscardi

Suono in p.d.e mixage
Sergio Viscardi

Montaggio
Victor Scavi

Voce delle citazioni di Fellini
Ennio Libralesso

Hanno partecipato:

Mario Trevi
Gianfranco Angelucci
Andrea Zanzotto
Enzo De Castro
padre Angelo Arpa
Tonino Guerra
Luca Canali
Rinaldo Geleng
Norma Giacchero
Olimpia Carlisi

Gli estratti del film
“Fellini Satyricon”
“Il Casanova di Federico Fellini”
“Toby Dammit” dal film “Tre passi nel delirio”,
“Ginger e Fred”
per gentile concessione del produttore
Alberto Grimaldi

Le musiche di Nino Rota
per genitle concessione della C.A.M. S.r.l.

La musica di Nino Rota
“Il Casanova di Federico Fellini”
per gentile concessione della C.A.M S.r.l.
e E.M.I. Music Publishing Italia S.r.l.

Si ringraziano tutti coloro che hanno
concesso l’utilizzazione delle immagini:

gli eredi di Fellini per l’utilizzazione
dei disegni di Federico Fellini e per gli estratti da
“La dolce vita”, “Otto e mezzo”
“Giulietta degli spiriti”

NBC News Archives per il film
“A Director’s Notebook” di Federico Fellini

Gideon Bachmann per “Ciao Federico Fellini!”
di Gideon Bachmann

Gerald Morin per il backstage del
“Casanova” di Enzo De Castro

RaiTrade S.p.A. per “Diario segreto di Amarcord”
e il film “Intervista”

Studio Pinna per le fotografie
di Olimpia Carlisi

Si ringraziano
per la collaborazione prestata:

La Fondation Fellini pour le cinema (Sion) – Suisse
Padre Angelo Arpa
Francesca Sifola
Olimpia Carlisi
Rinaldo Geleng
Vittorugo Contino
Simone Casavecchia
Cinecittà Studios S.p.A.

Produzione a cura della
Fondazione Interregionale Europa
e Comunità Mondiale (Roma – Italia)

Produzione esecutiva di
Cometa Produzione Cine Tv s.n.c.
di Ivana Mattei (Roma – Italia)

In co-produzione con
Almaz Film Productions SA (Suisse)

© Copyright:
Leopoldo Antinozzi
Ivana Mattei
2003 – All right reserved

Taormina: la diva mediterranea

2013, Trailer

Taormina: la diva mediterranea

2013, Trailer

Il coraggio di risvegliarsi

2013, Società

Il coraggio di risvegliarsi

2013, Società
DocNewsCAST ©
Leopoldo Antinozzi ©
2013

I ragazzi di von Gloeden

2013, Società

I ragazzi di von Gloeden

2013, Società
2013

La sete del vampiro

2013, Ambiente, Crowdfunding, Società, Trailer

La sete del vampiro

2013, Ambiente, Crowdfunding, Società, Trailer

IMAGO L’Immaginario di Federico Fellini

2003, Arte

IMAGO L’Immaginario di Federico Fellini

2003, Arte
Leopoldo Antinozzi ©
Ivana Mattei ©
2003

A Baby in the Woods: il sogno infranto di Ezra Pound

2005, Arte, Politica, RAI

A Baby in the Woods: il sogno infranto di Ezra Pound

2005, Arte, Politica, RAI
Rai ©
2005 // Durata 60'

La luce dell’invisibile: lo sguardo altrove di Mimmo Jodice

2004, Arte, RAI

La luce dell’invisibile: lo sguardo altrove di Mimmo Jodice

2004, Arte, RAI
Rai Educational
Leopoldo Antinozzi ©
2004 // Durata 60'

Made in Italy in Bali

2009, Arte, RAI, Società

Made in Italy in Bali

2009, Arte, RAI, Società
Rai Educational
Leopoldo Antinozzi ©
2009 // Durata 60'

Luigi Ontani

2011, Arte

Luigi Ontani

2011, Arte
Leopoldo Antinozzi ©
2011 // Durata 30'

NGABEN I veicoli dell’anima

2013, Tradizione, Trailer

NGABEN I veicoli dell’anima

2013, Tradizione, Trailer
Leopoldo Antinozzi ©
2013 // Durata 60'
Back To Top