loading ...
loading ...
5

Psicologia del profondo in Imago

Ho appena saputo che Imago, l’immaginario di Federico Fellini, il documentario prodotto nel 2003, sarà proiettato nell’ambito del Bari International Film Festival (BIFeST). Quest’anno ricorre il ventesimo anniversario della morte del regista e stiamo per essere letteralmente sommersi da opere documentarie che ripropongono l’attività di Fellini, ognuna che propone il suo punto di vista.

Mi sembra giusto. Di questi tempi non capita spesso poter celebrare un assoluto genio creativo italiano contemporaneo.

Senza nulla voler togliere al lavoro di altri, in ogni caso dubito che esista una ricerca come la nostra sull’immaginario felliniano. Senza mai esserci fatti distrarre dalle curiosità aneddottiche o dagli aspetti cronicistici dell’epoca, IMAGO è fortemente incentrato su una lettura spirituale e psicoanalitica della creatività di Fellini.

Questo è stato possibile non solo grazie alla intervista esclusiva che Mario Trevi, allievo del maestro Ernst Bernhard, ci ha concesso parlando della sua esperienza con il Fellini amico e paziente, ma anche per gli studi specifici compiuti da me e dal co-autore Alessandro De Michele.

La traccia stessa di tutto il lavoro che abbiamo svolto è solcata all’interno del valore dato all’introspezione psicologica, la nostra, quella di Trevi, di Fellini, di Padre Angelo Arpa e, non ultimo, di Andrea Zanzotto, grande maestro della poesia del Novecento, che con Fellini condivise un’amicizia delicata e una collaborazione costante. Prima fu consulente per la lingua ne “Il Casanova” (1976), originariamente girato in inglese; poi per “La citta delle donne” (1980) e infine per “E la nave va”  (1983).

In questo senso credo che il nostro lavoro si distingua da tutti gli altri e, anzi, penso addirittura che non ci sia ancora abbastanza sensibilità per giudicarlo addirittura come un’opera chiave per la comprensione profonda del genio felliniano, che arriva a toccare la sfera degli archetipi inconsci collettivi, junghianamente parlando.

Chiedo scusa per l’immodestia, ma sono sempre stato convinto che, a fronte di un fallimento economico oggettivo, come di fatto alla fine è risultato IMAGO, il riconoscimento culturale che merita arriverà probabilmente quando una generazione di critici legati all’effimera realtà mondana del cinema sarà trapassata.

Non mi dilungo oltre, rimandando a miei successivi post l’infinito discorso che questo documentario implica. Vorrei solo proporre la lettura della recensione curata dall’Aipa, che a suo tempo ci fece l’onore di proiettarlo presso la sua sede romana.

Roma, lì 6 Ottobre 2003

Il giorno Sabato 27 settembre 2003, presso la sede dell’Associazione Italiana di Psicologia Analitica è stato proiettata la versione completa del documentario video “IMAGO, l’immaginario di Federico Fellini” di Leopoldo Antinozzi e Alessandro De Michele, alla presenza del Presidente dell’Aipa, Prof. Stefano Carta, e dei Dottori Mario Trevi, Nino Lo Cascio e Luigi Turinese. Dopo la proiezione, insieme agli autori, è stato condotto un dibattito in presenza di un folto pubblico di psicoanalisti ed appassionati felliniani, che hanno seguito il lavoro con grandissimo interesse.

Tutti i presenti convenuti hanno infatti potuto apprezzare la splendida fattura del documentario che, oltre ad illustrare in modo lucido e profondo gli aspetti estetici dell’opera felliniana, illumina con luce critica e da varie angolature la rilevanza del lascito del grande regista per le discipline analitiche, in primis quella junghiana. Per questa ragione, il dibattito che ha seguito la proiezione, e che si è sviluppato intorno ai temi della relazione tra l’Inconscio e la Coscienza, delle dinamiche psichiche delle neoformazioni creative, del processo di costruzione e decostruzione del reale e delle relazioni tra creatività e psicosi ha rappresentato un momento di incontro culturalmente assai rilevante.

Agli autori vanno le congratulazioni dell’Associazione di Psicologia Analitica per il loro peculiare e prezioso contributo non solo al cinema, ma anche alla psicologia del profondo.

Prof. Stefano Carta (Presidente)

Leave Comment

Error Please check your entries!

Ezra Pound e lo strumento del potere: il denaro

RAI

La politica non esiste finché sono le banche ad emettere il denaro. I politici non sono che i lacchè…

Read more →

Psicologia del profondo in Imago

Federico Fellini

Ho appena saputo che Imago, l’immaginario di Federico Fellini, il documentario prodotto nel 2003, sarà proiettato nell’ambito del Bari…

Read more →

L’economista eterodosso

Economia, Ezra Pound, RAI

Un particolare curioso della produzione del documentario su Ezra Pound, a Baby in the Woods, del 2005, è stato…

Read more →

Michelangelo Pistoletto

Arte, RAI

Nel 2011 mi furono commissionati da Rai Educational tre documentari su tre grandi nomi dell’arte contemporanea italiana, ma per…

Read more →

La Fonte Balinese

Arte, Bali

Dal soggetto del lavoro presentato nel Portfolio: L’arcipelago indonesiano costituisce la più grande nazione islamica del mondo, composto da…

Read more →

La produzione esterna

Biografia, RAI

Vecchio logo di Rai Educational Ho cominciato ad occuparmi di regia video alla fine degli negli anni ’90 cercando…

Read more →

L’intervista

Biografia

Essa ricopre un ruolo fondamentale nel genere di documentari che mi son trovato a realizzare fino ad oggi. Lo…

Read more →

Ezra Pound, a Baby in the Woods

Ezra Pound

Dopo una fase inziale ideativa, che può durare indefinitamente, il primo aspetto da affrontare della fase progettuale di un…

Read more →

Made in Italy in Bali

Bali, Biografia

La creatività italiana nell’isola degli dei Per tre anni, dal 2006 al 2009, ho soggiornato nella bellissima isola di…

Read more →

Concerto d’Amore per la Terra dei Fuochi

Ecologia

Dal punto di vista tecnico una delle sfide più interessanti nel realizzare un documentario si presenta quando ci sono…

Read more →
Back To Top